europa cinemas FICE Schermi di qualità

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere, con cadenza settimanale, la Newsletter Cinemaincentro con le informazioni, le trame, gli orari e altre notizie sulla programmazione delle nostre sale.

Se vuoi ricevere aggiornamenti o informazioni last minute via SMS inserisci il tuo numero di cellulare.

Cinema Centrale Imola
PIIGS
martedì 30 maggio
PIIGS
Regia: Adriano Cutraro, Federico Greco, Mirko Melchiorre
Distribuzione: Fil Rouge Media
Paese: Italia 2017
Genere: Documentario
Durata: 74 minuti

1992: a Maastricht (Paesi Bassi) il Trattato omonimo determina i criteri di ingresso nell'Unione Europea. Nello stesso anno a Monterotondo (Roma) nasce la cooperativa sociale Il Pungiglione. Ventiquattro anni dopo sia l'UE che la cooperativa sono in profonda crisi. Tenere insieme e rendere comprensibili allo spettatore macro e micro economia, appoggiandosi a pareri di stimati esperti del settore: questo l'obiettivo di P.i.i.g.s., film inchiesta finanziato in crowdfunding che invita a occuparsi di moneta, mercato, finanza, banche. Ma soprattutto di come l'economia influisce sui diritti acquisiti, come quello alla salute, al benessere e all'istruzione dei cittadini, come sancito dalla Costituzione.

P.i.i.g.s., che si può leggere come una sottolineatura dello spregiativo inglese pigs ("porci"), è un "neologismo" coniato dal giornalismo economico nel 2009 (ammesso che si possa definire giornalismo l'insulto; l'alternativa è Gipsi, assonante con "zingaro"), o almeno così ci dicono i titoli di testa del film. Ma è anche acronimo dei cinque Paesi dell'UE considerati dalle politiche economiche scriteriate, Stati non competitivi, per non dire parassiti: Portogallo, Irlanda, Italia, Grecia, Spagna.  L'attore Claudio Santamaria presta la voce all'io narrante (in realtà sono tre i registi: Adriano Cutraro, Federico Greco e Mirko Melchiorre) che nel prologo si presenta come qualcuno che rientra in Italia dopo anni di assenza, nel 2011. L'occasione di avere diversi esperti di economia a portata di microfono rende il film possibile, e così P.i.i.g.s. prende gradualmente la sua forma - nell'arco di cinque anni, stando alle note di regia: inchiesta giornalistica costruita su interviste e immagini d'archivio, con qualche inserto di animazione grafica. Ma soprattutto con una copertura in parallelo delle difficoltà affrontate dalla cooperativa Il Pungiglione, che, detto sinteticamente, a causa dell'avvento delle politiche di austerity, è minacciata nella sua stessa sopravvivenza. L'intento è dimostrare, con dati statistici e pareri autorevoli, che l'austerity non sia l'unica via percorribile per uscire dalla crisi, ma soprattutto che non se ne vedano gli effetti benefici. Anzi, a poco meno di un decennio dal fallimento della banca d'investimento statunitense Lehman Brothers, evento simbolo della crisi globale, l'eccessiva severità e l'attaccamento a principi statistici (messi in dubbio da un'ipotesi di clamoroso errore svelata dal film) rischia di rivelarsi un boomerang. Modellato sull'esempio di Requiem For the American Dream - per le osservazioni illuminanti di Noam Chomsky sul carattere "razzista" di alcuni Paesi europei verso altri e l'articolazione in capitoli che rimandano a dogmi dell'attuale orientamento delle politiche economiche UE - ma anche su Capitalism: a Love Story di Michael Moore, P.i.i.g.s. solleva temi obiettivamente urgenti e sotto gli occhi di tutti: disoccupazione, progressivo, silenzioso ma micidiale smantellamento del welfare, subalternità della politica nazionale alla severità europea, strapotere delle banche, impoverimento generale - non solo materiale, ma anche spirituale - di una società in cui (come sottolinea con precisione Erri De Luca) i diritti diventano servizi; ai quali cioè può accedere solo chi ha potere d'acquisto, in un passaggio graduale e silenzioso ma non meno incostituzionale, se non immorale, del cittadino a status di cliente. Tutto ciò mentre gli Stati nazionali dovrebbero investire nel welfare e non cercare la soluzione solo nei drastici tagli di budget.   Prendendo l'avvio dalle teorie nefaste di Milton Friedman e citando come caso virtuoso opposto il Roosevelt del New Deal, P.i.i.g.s. dà voce e rilancia i suggerimenti di voci contrarie come Barnard, Rampini e De Luca, ovvero informarsi, riappropriarsi delle basi dell'economia, esprimere il proprio parere facendo "moltitudine" (o massa critica, che dir si voglia).  Nello sforzo più che encomiabile di tradurre concetti complessi in favore del grande pubblico, il film alterna all'inchiesta giornalistica il racconto, non sempre intellegibile, dell'universo umano coinvolto nella cooperativa: lavoratori e operatori del sociale, Claudia Bonfini in testa, alle prese con la pubblica amministrazione e una dolorosa assemblea dei soci che ricorda i momenti di confronto politico dei migliori film di Ken Loach. Nell'accostare i due registri però il film pare perdere un po' di tensione; il dramma messo in scena nella parte romana (come quello di un ex tossicodipendente che ha avuto la possibilità di rientrare nella società civile grazie al lavoro con la cooperativa e che ora rischia di fare un passo indietro) risulta un po' tautologico e disomogeneo rispetto alla massa di dati e ragionamenti del corpus più teorico, che non lascia spazio a un contraddittorio con esperti di scuola diversa da quelli intervistati. Dati non proprio secondari in un'opera fieramente indipendente, a cui va riconosciuto il pregio raro di chiamare all'azione, alla presa di responsabilità e consapevolezza, alla partecipazione. Ovvero ciò a cui l'Europa, teoricamente, ci avrebbe chiamato. (Raffaella Gincristofaro)