europa cinemas FICE Schermi di qualità

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere, con cadenza settimanale, la Newsletter Cinemaincentro con le informazioni, le trame, gli orari e altre notizie sulla programmazione delle nostre sale.

Se vuoi ricevere aggiornamenti o informazioni last minute via SMS inserisci il tuo numero di cellulare.

Cinema Mariani Ravenna
STORIE DEL DORMIVEGLIA
giovedì 22 novembre
STORIE DEL DORMIVEGLIA
Regia: Luca Magi
Distribuzione: Kiné
Paese: Italia 2018
Genere: Documentario
Durata: 67 minuti

Fra i corridoi del Rostom, struttura d'accoglienza per persone senza fissa dimora, nel cuore della notte risuona questo canto. A intonare le celebri strofe di Bennato sono gli ospiti del centro, senzatetto che ogni sera trovano rifugio nel dormitorio bolognese. Tra centinaia di sigarette, confessioni, incubi e speranze, i protagonisti di questo documentario raccontano le loro vite, il dolore e i tanti rimpianti. A guidare le confessioni è David, un lupo solitario, che al chiaro di luna condivide non soltanto i suoi ricordi, ma anche quelli dei suoi compagni.

Storie del dormiveglia è un documentario molto toccante ed emotivo. Gli inquilini si raccontano con estrema umanità ed intimità. Non si piangono addosso, non sono arrabbiati con il mondo per essere stati abbandonati e condannati ad una perpetua attesa. Si confessano, dolori, gioie, speranze, incubi. Vite umane che stallano in un limbo etereo e che sperano di vedere la luce. Persone ghettizzate, dei fantasmi viventi che la società ha abbandonato e che cela dietro una struttura posta fuori dal centro storico.  Il regista costruisce la narrazione soffermandosi sul lato umano, sui visi e sui primi piani delle persone che vivono nella struttura. Storie di enorme umanità raccontante attraverso una struttura poetica e allegorica, improntata sulla luce e sul concetto religioso di “redenzione”. Una fotografia essenziale e che sfrutta in modo consono l’ambiente circostante: luce naturale proveniente perlopiù dalle sigarette e dal fuoco acceso per riscaldarsi. Chiari e scuri, luci ed ombre che mettono in risalto il volto, la faccia, la comunità e l’appartenenza. Un racconto allegorico pieno di poesia e di memoria intima e privata. Non è un racconto di denuncia bensì una storia di speranza e di fiducia verso il mondo. Le uniche immagini ampie sono oniriche, in prospettiva, con in lontananza una vita d’uscita dalla struttura che porta alla luce. Infine, ci sono immagini molto allegoriche che tracciano un legame tra la natura e l’uomo, costruite mediante sovra-esposizione e con l’uso sapiente della luce.  La diegesi è costruita attraverso una voice-over di David che, in maniera poetica, dissemina parole di contatto tra il mondo naturale e quello umano. Due sistemi vitali che si contaminano e che fanno parte del cerchio della vita. Storie del dormiveglia è una pellicola, intensa, forte, coraggiosa ed emotiva. Costruita seguendo una base fotografica ben improntata, offre numerosi spunti su una tematica spesso occultata e sottodimensionata. (da Cineon.it)