europa cinemas FICE Schermi di qualità

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere, con cadenza settimanale, la Newsletter Cinemaincentro con le informazioni, le trame, gli orari e altre notizie sulla programmazione delle nostre sale.

Se vuoi ricevere aggiornamenti o informazioni last minute via SMS inserisci il tuo numero di cellulare.

Cinema Mariani Ravenna
DRAGON TRAINER 3 - Il mondo nascosto
6 - 7 - 13 - 14 aprile
DRAGON TRAINER 3 - IL MONDO NASCOSTO
Regia: Dean DeBlois
Distribuzione: UIP
Paese: USA 2019
Genere: Animazione
Durata: 104 minuti

Hiccup e Sdentato scoprono finalmente i loro veri destini: il capo villaggio sarà il governatore di Berk al fianco di Astrid, e il drago sarà invece capo della sua specie. Mentre entrambi si avviano verso il loro glorioso futuro, la loro amicizia verrà messa a dura prova quando si troveranno a dover fronteggiare la minaccia più oscura di sempre, insieme all’entrata in scena di un drago Furia Buia femmina.

All'inizio erano in due, Chris Sanders e Dean DeBlois, e, con il primo Dragon Trainer, tratto dalle pagine di Cressida Cowell, avevano saputo replicare la felicità artistica della strana coppia Lilo-Stitch nell'incontro tra Hiccup e Sdentato.  Poi DeBlois è rimasto solo, già dal capitolo secondo, ben più funzionale che dilettevole, ma con Dragon Trainer 3 - Il mondo nascosto la solitudine pesa molto meno: il vento dell'ispirazione torna a soffiare e il film spiega a fondo le vele, come si addice ad un finale di trilogia nell'era della sparizione del finale.   Hiccup non fa più solo coppia con Astrid, per ragioni di cuore, e con Sdentato, per ragioni di coda, ma s'interfaccia con la sua nemesi, quel Grimmel che da ragazzino si trovò davanti una Furia Buia, proprio come accadde a lui, ma non ci pensò un attimo a sparare per uccidere. Questione di carattere e di identità, che, nel giro di vite finale, non possono che aumentare di volume e di valore, facendosi questioni ideologiche. Da un lato, cioè, il cacciatore umano, che si professa appartenente ad una "specie superiore", dall'altro il primo rappresentate di una mutazione ideale e antropologica che, dal mutuo-soccorso, attraverso l'amicizia più sincera, ha annullato la distanza tra uomo e drago. Non è un caso, infatti, che, in questo capitolo, Hiccup e i suoi attacchino brandendo l'arma del fuoco, vestiti con tute squamate dotate di ali: l'altro è stato incorporato e dunque la separazione, per quanto dolorosa, è ora possibile, perché non sarà mai definitiva, mai totale.  Solido e toccante sul piano del racconto, il capitolo finale non è meno riuscito su quello della forma, a cominciare dalla riscrittura del monologo iniziale col quale Hiccup presenta Berk, cambiato definitivamente di segno, per proseguire con le belle sequenze del corteggiamento tra Furia Buia e Furia Chiara (creatura misteriosa e splendente, Eve made in Dreamworks e annuncio dantesco dell'Eden che li aspetta), fino al finale, che getta un ecumenico ponte con altre saghe, dentro e fuori dall'universo animato. (Marianna Cappi - MYmovies)