SCHEDA DEL FILM

Cinema Italia Faenza

domenica 2 febbraio

PUPAZZI ALLA RISCOSSA

  • Regia: Robert Rodriguez, Kelly Asbury
  • Distribuzione: Lucky Red
  • Nazione: USA 2019
  • Genere: Animazione
  • Durata: 87 minuti
  • Orari

    dom 2: 15.00

Trama del film

Uglyville è un luogo allegro e colorato, nel quale la stravaganza è ben vista e la bellezza che conta non è quella esteriore. Moxy è una colonna portante di questa comunità di pupazzi, sempre gioiosa e accogliente verso i nuovi arrivati. Ma è anche più curiosa degli altri: si domanda cosa ci sia dietro il tunnel da cui tutti provengono e sogna il Grande Giorno in cui verrà mandata nel mondo reale e avrà finalmente un bambino da amare e da cui essere amata. Questa curiosità spingerà Moxy e un manipolo di amici nella città di Perfezione, dove il perfido Lou addestra le bambole a mantenersi esteticamente impeccabili e condanna ogni essere difettoso all'oblio eterno.

Commento

La protagonista del film ha tre denti e il suo cagnolino ha un occhio solo: qualcuno li ha giudicati imperfetti ma non loro, che si piacciono come sono, almeno finché la loro avventura non li mette a contatto con un società alla continua ricerca di complimenti e approvazione, di standard omologati e ritocchi forzati.  La società di Uglyville è molto simile alla nostra, è evidente, ed ha il fascino che il mondo adulto esercita di natura sulle nuove leve che si affacciano alla sua soglia, e che mai penserebbero di metterlo in discussione.  Pupazzi alla riscossa è probabilmente anche e soprattutto un'operazione di marketing, che darà nuova spinta al commercio delle bambole di feltro create da David Horvath e Sun-Min Kim, ma non è comunque un film da sottovalutare: le bambole perfette, truccate e acconciate, sono l'equivalente delle Stepford Wives di Ira Levin, e il film di Kelly Asbury, sotto la patina del musicarello pompato e scoppiettante, è a suo modo un thriller per bambini, nel quale un biondino frustrato che fa gli occhi dolci al suo pubblico femminile, non solo non si fa scrupolo di fare a pezzi moralmente i suoi coetanei ma, in virtù del suo potere, pianifica di farli a pezzi anche fisicamente.  In fondo, questo prodotto filmico di fabbrica, assemblato con pezzi presi da The Lego Movie e da altri esemplari del genere, ha, più o meno involontariamente, un valore educativo più forte di altri, che lo preleva dal mucchio e gli permette di fare la differenza. Perché, se sono tanti, giustamente, i film per bambini che insistono sull'importanza di essere se stessi, che invitano ad evitare la trappola dell'omologazione e a trasformare i propri difetti in qualità, sono più rari quelli che si spingono così vicini alla rappresentazione della depressione, che tematizzano il percorso ad ostacoli dell'adozione e lo spettro di un mondo che ghettizza l'handicap e istituzionalizza la premiazione quotidiana della convenzionalità. (Marianna Cappi - MYmovies)

Trailer

Suggerisci agli amici:
TOP