europa cinemas FICE Schermi di qualità

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere, con cadenza settimanale, la Newsletter Cinemaincentro con le informazioni, le trame, gli orari e altre notizie sulla programmazione delle nostre sale.

Se vuoi ricevere aggiornamenti o informazioni last minute via SMS inserisci il tuo numero di cellulare.

Cinema Italia Faenza
IMAGINE
lunedì 17 dicembre
IMAGINE
Regia: John Lennon, Yoko Ono
Attori: John Lennon, Yoko Ono, George Harrison, Fred Astaire, Andy Warhol, Dick Cavett, Jack Palance, Jonas Mekas
Distribuzione: Nexo Digital
Paese: Gran Bretagna 1972
Genere: Musicale/Documentario
Durata: 83 minuti

In occasione delle celebrazioni mondiali del compleanno di John Lennon, nato il 9 ottobre 1940, per la prima volta sul grande schermo sarà possibile godere di Imagine, l’irresistibile film, restaurato ed interamente rimasterizzato agli Abbey Road Studios in Dolby Atmos. Sarà così l’occasione unica per tutti i fan di Lennon e dei Beatles per riscoprire Imagine come non si era mai visto o ascoltato prima, in un collage cinematografico di colori, suoni, sogni e realtà. L’innovativo film musicale presenta un trattamento visivo diverso per ogni canzone e segue John e Yoko durante le sessioni di registrazione di Imagine sia nel Regno Unito sia a New York come coproduttori del disco con Phil Spector.

Il 9 ottobre 2018 Lennon avrebbe compiuto 78 anni. E quale maniera migliore per festeggiarlo se non al cinema? Lo spettatore, per i primi minuti di sola musica di John Lennon - il "beatle" più stravagante, ma in realtà serioso e politico -, è un po' spiazzato: si trova davanti a un documentario?  É utente di un bizzarro viaggio in equilibrio strampalato tra ricordi, momenti d'amore, sperimentazioni artistiche, feste e movimentazioni politiche? O sta visionando un denso documentario, costruito su musiche e immagini vintage recuperate da footages e video ricordo dei due artisti, di quel periodo storico? Imagine racconta tutto questo attraverso la scelta radicale di due artisti, il cantante britannico dei Beatles, e l'artista concettuale giapponese che, nel 1966, si incontrano durante un vernissage di una mostra in una galleria di Londra, si innamorano e, due anni dopo, si sposano iniziando così un connubio umano e artistico che ha fatto parlare e, sembrerebbe, smuovere un po' le azioni e i pensieri di intellettuali, giovani e appassionati da quel periodo fino ad oggi.   Yoko Ono e John Lennon si mettono a nudo - non solo metaforicamente - e si riprendono nei momenti più intimi della loro vita, con quell'occhio della messa in scena sempre rivolto al pubblico: nella loro casa di New York, in quel letto matrimoniale diventato simbolo di pace e reazione contro la guerra in Vietnam che stava imperversando; li vediamo passeggiare nella campagna inglese, travestiti e danzanti, con un'attitudine ironica, naïf e, in fondo, seria e impegnata; e poi gli sketches sul battello di Battery Park, davanti alla statua della libertà; le grida durante le manifestazioni per la pace nel mondo; le file dei fan per incontrarli e farsi firmare dischi e libri.  E poi le comparse degli amici, da Andy Wharol - alle prese con la sua videocamera durante i parties -, a un sorridente Fred Astaire, dal collega George Harrison, al presentatore televisivo Dick Cavett. Artisti, poeti, clown, attivisti, amanti, matti. Così si ritraevano, e così hanno vissuto. Queste azioni "erano" Yoko e Lennon. In queste scene la loro attitudine creativa e i loro messaggi politici e poetici venivano veicolati agli amici e al grande pubblico dei giovani che volevano fare la rivoluzione. Un'attitudine diretta, proprio come per una regia di un film, dall'artista giapponese, tanto da essere stata criticata per il disfacimento del gruppo musicale dei Beatles, per aver portato via Lennon da quell'atmosfera più spensierata dei loro brani musicali, per immergersi in un sistema artistico più radicato e complesso.   "For those who do not want to touch"/ "Per quelli che non vogliono toccare", indica la scritta di un'opera scultorea di Yoko: una lastra in marmo con incisa una frase provocatoria. È per questo pubblico che Imagine è rivolto. A loro, ai fan, agli antagonisti e a chi vuole capire cosa accadeva in quel periodo è rivolto questo diario personale oggi immortalato come un video d'arte vero e proprio, smorzato dalle musiche straordinarie e, in fondo, commoventi che Lennon ha lasciato. (rossella Farinotti - MYmovies)